15 dicembre 2016

Sei la mia schiavitù sei la mia libertà (Nazim Hikmet, 1901-1963)

Sei la mia schiavitù sei la mia libertà
sei la mia carne che brucia
come la nuda carne delle notti d’estate
sei la mia patria
tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi
tu, alta e vittoriosa,
sei la mia nostalgia
di saperti inaccessibile
nel momento stesso
in cui ti afferro.

08 dicembre 2016

Mostra Hokusai, Hiroshige e Utamaro a Palazzo Reale




Nel frattempo in Italia... i Macchiaioli.

Così, per dire...